LE FORMICHE VOGLIONO SOLO DIVERTIRSI

Nigerian Pizza

(la deliziosa pizza nigeriana. Ricetta per due persone: buttare tutto quel che si trova nel frigo dentro un tegame. Assicurarsi che ci siano piselli verdi, mais, patate fritte e preferire il pomodoro concentrato alla passata. Cuocere finché la base è un tutt’uno indissolubile con la superficie del tegame. Tagliare con un martello pneumatico. Tenere alka selzer a portata di mano)

«Guarda, Sansone» dico, «c’è una formichina che nuota nel tuo succo d’arancia».

«Ah, lasciamola fare, vuole solo divertirsi», risponde Sansone; e comincia a cantare «ants, just wanna have fun, oh ants just wanna have fuuun…» con la melodia di Cyndi Lauper. Mi fa strano sentir tirare fuori Cyndi Lauper qui a Port Harcourt dal nostro responsabile logistico nigeriano.

Sansone ha un rispetto innato per le formiche, me l’ha detto lui stesso: «I love ants. Sono instancabili lavoratrici, sono collaborative, hanno uno spirito di sacrificio assoluto. Mi fa sempre male quando accidentalmente ammazzo una formica». Addirittura! «E non fanno mai la guerra le une contro le altre!»

Beh, di questo non sono sicuro, Sansone. A me risulta che ci siano formiche-soldato, o qualcosa del genere. Ma mi piace il suo amore per le formiche.

Sansone (« stroooong maaaan ! », avrebbe detto Sushi) s’interessa molto agli affari del suo paese, segue la politica e tutto il resto. Naturalmente, è diventato il nostro punto di riferimento per tutto quanto riguarda la cultura e la storia della Nigeria, anche se non si può dire che sia completamente immune dal modo tutto particolare in cui i nigeriani vivono i concetti d’informazione e partecipazione alla vita pubblica.

«Vedi questa foto?», mi fa un giorno, mostrandomi il giornale con l’immagine di un politico che cammina in mezzo a una piccola folla.

«Sì, embè?»

«Non ti pare di notare qualcosa di strano?»

«Mmmh… no, proprio no.»

«Non vedi come quel vecchio mendicante inginocchiato fra la folla assomiglia al politico?»

«Mmmh, forse… boh!»

«Ci sono persone che l’hanno notato e pare che siano riuscite a dedurne che quel mendicante è suo padre.»

«Padre??»

«Del politico.»

«Del politico!»

«Esatto. E come fa uno ad aspirare a prendersi cura della sua nazione se non è riuscito neanche a prendersi cura della sua famiglia?»

«Già… ma, ehm, quali prove ci sono che quel mendicante sia suo padre?»

«Non ti basta la foto? Non vedi la somiglianza?»

Ecco, ogni tanto mi tira fuori cose di questo genere. L’altro giorno per esempio mi parlava di A., un politico Yoruba degli anni ’60-’70.

«Devi sapere che A. era un uomo eccezionale. Tutto il sudovest del paese, la terra Yoruba, lo tiene in conto come un eroe. È grazie a lui che oggi Lagos è la capitale economica e la città più sviluppata della Nigeria.»

«Bravo, questo tipo.»

«Ma non gli hanno mai permesso di fare strada a livello nazionale. Pensa che aveva in testa un programma economico eccezionale, che avrebbe promosso lo sviluppo di tutta la Nigeria.»

«Ah sì?»

«Il suo programma economico era: creare più posti di lavoro possibile. Tantissimi posti di lavoro.»

«Un milione di posti di lavoro!», dico io.

«Di più, molti di più!»

«Caspita, un ottimo programma!»

«Ma non gliel’hanno lasciato applicare.»

«Bastardi!»

«Durante la guerra del Biafra però, poiché l’élite politica del paese era impegnata sul fronte della gestione del conflitto, l’hanno chiamato come consigliere per l’economia, e in quell’occasione ha finalmente potuto dimostrare il suo valore. In breve tempo, infatti, nonostante la guerra e tutto, l’economia nigeriana ha avuto un forte impulso: il paese ha fatto un bel salto in avanti.»

«Il famoso boom economico degli anni del Biafra!», dico.

«Il problema è che finché il nord continua a mangiare a nostre spese, non servono a niente tutti questi programmi di sviluppo economico. Al nord non hanno niente e quindi vivono alle spalle del sud, che è più ricco, più produttivo.»

«Per esempio?»

«Al nord non sono interessati all’istruzione, allo studio. Non serve a niente dare loro soldi per le scuole e le università.»

«Capisco…»

«E poi non hanno senso degli affari. Gli interessa solo pregare.»

«Mmmh…»

«C’era un politico del sud che aveva proposto un programma interessante, ma l’hanno fatto fuori.»

«Com’era questo programma?»

«Le risorse del sud sono per la gente del sud; il nord si gestisca le sue, di risorse.»

«L’ho già sentito questo programma.»

«Ah sì? Dove?»

«Lascia perdere… piuttosto: al nord quali sono le risorse?»

«Non ce n’è.»

«E cosa gestiscono allora?»

L’altra cosa in cui Sansone è forte è la saggezza popolare. Come quando ci spiega i trucchi per la fertilità femminile.

«Yam pestato. Le donne devono mangiare tanto yam pestato, aumenta la loro fertilità.»

«Sei sicuro, Sansone?»

«Certo! Nel sudovest c’è il più alto tasso di parti gemellari di tutto il paese, e sai perché? Perché le donne consumano tanto yam pestato.»

«Scientificamente dimostrato?»

«Ovvio!»

Non voglio dubitare delle parole di Sansone, ma oggi sul giornale c’era un articolo in cui viene “scientificamente dimostrato” che gli uomini poveri sono attratti dalle tette grosse, mentre quelli ricchi preferiscono i seni più contenuti. Era a pagina 2. Non c’erano foto di seni nudi, se ve lo state chiedendo. Era un articolo scientifico serio. Nonostante un errore grammaticale nel titolo.

seni

(pensavate che scherzassi? manca solo un “more” prima di “than” e poi c’è tutto)

«Ma la cosa peggiore in Nigeria» dice ancora Sansone «è nascere primogenito maschio.»

«Ah! Perché mai?»

«Perché sei destinato a essere una pallina da ping pong tutta la vita, rimbalzando continuamente fra i due avversari che si giocano la tua vita.»

«Cioè?»

«Tua madre e tua moglie.»

«’azz!»

«Eh sì. Lo capisci fin da subito. Sei sposato a tua madre, e quel matrimonio durerà tutta la vita. Ma poi sposi anche un’altra donna e lì cominciano i guai. Puoi solo lottare per minimizzare i danni.»

«E come fai?»

«Inutile saperlo, tanto non ci riesci. La madre e la moglie sono due giocatori di tennis e tu sei la loro pallina. Ti colpiscono arrotando il colpo, in top spin», dice Samson, dimostrando di avere visto molti US Open. «Non sai mai dove finirai; come una pallina colpita in rotazione, stai andando in una direzione, ma quando rimbalzi cambi traiettoria.»

«E come si spiega?»

«Perché tua madre ti stava mandando in un senso, ma quando rimbalzi tua moglie ti chiama da un’altra parte. E viceversa. Continua così per tutta la vita.»

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Nigeria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...